Il fascino delle date palindrome

pa-lìn-dro-mo:

Dal greco palindromos che corre all’indietro, composto di palin di nuovo, all’indietro, e dal tema di dramein correre.

Un giorno palindromo è un giorno del calendario la cui data, espressa nel formato numerico gg/mm/aaaa oppure mm/gg/aaaa, è simmetrica nella lettura, definita per l’appunto palindroma. In altre parole, resta uguale a sé stessa sia se letta da sinistra verso destra sia se letta da destra verso sinistra. Sono date simmetriche.

Siccome i formati delle date variano da paese a paese, non tutte le date che sono considerate palindromiche in un tipo di formato di data lo sono in un altro. Lingue, notazioni e calendari differenti determinano questo fenomeno. Noi, ad esempio, scriviamo 19, e non ci vediamo nulla di palindromo; ma provate a scriverlo come facevano gli antichi romani: XIX. Si tratta, dunque, di coincidenze; ma come ci insegna un memorabile carteggio tra il grandissimo fisico Wolfgang Pauli e uno dei padri della psicanalisi, Carl Gustav Jung, le coincidenze possono essere estremamente rivelatrici, informandoci non tanto come degli oggetti del mondo, ma delle modalità simboliche con cui noi ci riferiamo a essi. Casi particolari, che sembrano mettere ordine in un Universo caotico. Anche se secondo il filosofo Sir Francis Bacon, per capire la bellezza e la vita stessa occorre sempre che qualche simmetria venga infranta. Se fossimo rimasti schiavi della palindromia non avremmo imparato a leggere e a scrivere, a distinguere la destra dalla sinistra o magari il passato dal futuro.

Per esempio, il 2 febbraio 2020 o il 02-02-2020 è solo una data palindromica nel formato mm-gg-aaaa e gg-mm-aaaa.

Alcune date palindrome sono rare.

A seconda del formato della data, le date palindromiche possono essere rare. Aziz S. Inan, professore di ingegneria elettrica all’Università di Portland, ha calcolato che nel formato mm-gg-aaaa, i giorni palindromi tendono a verificarsi solo nei primi secoli di ogni millennio (1000 anni). L’ultima data palindromica del secondo millennio (anni 1001-2000) in questo formato era il 31 agosto 1380 o 08-31-1380.

Secondo il Dr. Inan, nel formato mm-gg-aaaa, la prima delle 36 giornate palindromiche del millennio in corso (dal 1° gennaio 2001 al 31 dicembre 3000) è stata il 2 ottobre 2001 (10-02-2001) e l’ultimo giorno di questo tipo sarà il 22 settembre 2290 (09-22-2290).

Ci sono 12 Giornate del Palindromo nel XXI secolo nel formato mm-gg-aaaa. La prima è stata il 2 ottobre 2001 (10-02-2001) e l’ultima sarà il 2 settembre 2090 (09-02-2090).

Nel formato mm-mm-aaaa, ci sono 29 Giornate del Palindromo nel secolo attuale. La prima è stata il 10 febbraio 2001 (10-02-2001). L’ultimo è un giorno speciale – è un giorno bisestile! Il 29 febbraio 2092 (29-02-2092) sarà l’ultimo giorno palindromo del XXI secolo.

Si ritiene inoltre che se si prende un numero, si invertono le sue cifre, si somma a quello iniziale il numero così ottenuto, si ottiene prima o poi un palindromo. Il più piccolo numero che sottoposto a questo procedimento non diventa palindromo sarebbe il 196.

I giorni palindromi del passato:

Se parliamo di date già trascorse dobbiamo tornare indietro di 8 anni rispetto al 2020. Ecco infatti le date palindrome (più recenti) già trascorse:

  • 21 02 2012 (21 febbraio 2012)
  • 11 02 2011 (11 febbraio 2011)
  • 01 02 2010 (1° febbraio 2010)
  • 20 02 2002 (20 febbraio 2002)
  • 10 02 2001 (10 febbraio 2001)

Possiamo notare che negli anni 2000 ovvero dal 2001 al 2092 (ultima data palindroma del secolo XXI è sempre e solo febbraio il mese che coinvolto nella data palindroma proprio perché le prime due cifre del secolo (20xx) diventano sempre e solo 02 ovvero febbraio.

Nel XXII secolo invece il mese coinvolto nei giorni palindromo sarà sempre e solo dicembre infatti 21xx letto al contrario è sempre 12 ovvero dicembre per cui ad esempio la prima data palindroma del XXII secolo sarà il 10 12 2101 (10 dicembre 2101)

E nel XX secolo quello del ‘900 per intenderci? Non ci sono stati giorni palindromi perché non potevano esserci infatti si noterà che le prime due cifre dell’anno 19xx lette al contrario danno 91 che non può essere perché ovviamente ci sono solo 12 mesi quindi da gennaio (01) a dicembre (12) appunto.

Tutte le date palindrome future:

Nel corso di quest’ anno ci sarà una coincidenza numerologica curiosa. Non solo l’anniversario della nascita di Roma sarà palindromo (2772), ma ci sarà anche la prima data palindroma del nostro calendario dopo il lontano 21/02/2012, cioè il 02/02/2020. La prossima ci sarà nel 2021 e quella successiva sarà nel 2022 e poi dovremo aspettare ben 8 anni perché la incontreremo nel 2030.

  • 12 02 2021 (12 febbraio 2021)
  • 22 02 2022 (22 febbraio 2022)
  • 03 03 2030 (3 marzo 2030)
  • 13 02 2031 (13 febbraio 2031)
  • 23 02 2032 (23 febbraio 2032)
  • 04 02 2040 (4 febbraio 2040)
  • a seguire fino al 2092

Ma perché la palindromia incuriosisce così tanto esoterici e non?

A quanto pare il motivo principale è che il palindromo, per la sua natura bifronte, include in sé i poli opposti: maschile e femminile, luce e buio, bianco e nero, destra e sinistra e così via, ribadendo la validità della formula, “così in alto così in basso”, di Trismegisto. Si va dicendo, curiosando qua e là, che i palindromi facessero parte spesso dei cosiddetti quadrati magici sia a base numerica che letterale.

Questi quadrati celavano verità occulte ed erano considerati espressione della saggezza spirituale. Ne è un esempio illustre il quadrato del Sator, iscrizione latina composta da cinque parole la cui giustapposizione si dice dia luogo a un palindromo, ovvero a una frase che resta identica se letta al contrario

Il palindromo del quadrato magico del Sator è presente anche in molte chiese del Medioevo. Le interpretazioni simboliche sono diverse: c’è chi afferma che Sator significhi il seminatore e che pertanto possa indicare il Creatore. La formula in questione potrebbe pertanto riferirsi al fatto che il Creatore di tutte le cose mantiene con cura le proprie opere. Secondo altre interpretazioni il famoso quadrato del Sator aveva finalità apotropaiche, ovvero serviva ad allontanare eventuali influssi magici maligni.

Semplici coincidenze? Oppure c’è altro dietro? Fatto sta che il fenomeno è di per sé molto curioso e data la perfezione matematica, geometrica, grammaticale, semantica, alchemica, spirituale di questo quadrato magico, lo si potrebbe reputare quasi come un prodigio. Un’altra singolarità quadrato è che esso è a base 5. Cinque di base e cinque si altezza. Singolare, appunto, perché per gli antichi cinque era numero androgino in quanto unione del primo numero maschile con il primo femminile ( il due e il quattro, in quanto il numero uno non era ancora reputato un numero poiché reputato come non-quantità) per cui numero dell’amore e della conoscenza, sacro ai pitagorici, agli indù e in altre tradizioni in virtù della sua proprietà di unire in un sol punto gli estremi ( l’uno e il dieci) e di nuovo l’alto con il basso la destra con la sinistra. La stessa parola “cinque”, ha di fatto cinque lettere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...